Keith Haring

Keith Haring

Reading, 1958 - New York, 1990

Keith Haring intraprende la carriera artistica incoraggiato dal padre. Sono i fumetti di Walt Disney e di Dr. Seuss a esercitare un forte interesse legato alla figura e ai suoi contorni. Decisiva è la visita al Museo Hirshhorm di Washington, dove vede esposta la produzione grafica di Andy Warhol. In seguito studia come grafico pubblicitario presso l'Ivy School of Professional Art di Pittsburgh, interessandosi alle opere monografiche su Jean Dubuffet, Stuart Davis, Jackson Pollock, Paul Klee, Alfonso Ossorio e Mark Tobey.
Nel 1980 si trasferisce a New York alla ricerca di nuovi stimoli. Per esprimere la propria forma interiore sceglie il graffitismo. Diviene subito consapevole dell’originalità delle proprie creazioni grafiche, come ad esempio la celebre icona del cane che abbaia. Nello stesso anno viene invitato al Times Square per una mostra rivolta all’arte underground statunitense. Da qui viene conosciuto come uno dei migliori graffitari di New York.
Decide allora di inserire i suoi sintetici personaggi e animali colorati sugli spazi vuoti della metropolitana di New York, intesi dall’autore come atelier-laboratorio pubblico. Nel 1982 il gallerista Tony Shafrazi gli organizza una personale accompagnata da un vasto catalogo. Alla mostra partecipano Roy Lichtenstein, Robert Rauschenberg, Francesco Clemente, Sol LeWitt e Richard Serra.
A seguito della rassegna espositiva Keith Haring viene conosciuto anche in Europa, esponendo in Francia al CAPC Museé d'art contemporain de Bordeaux ed alla Nouvelle Biennale di Parigi nel 1985, in Italia alla galleria di Lucio Amelio a Napoli nel 1983 e alla Biennale di Venezia nel 1984, nei Paesi Bassi allo Stedelijk Museum di Amestardam nel 1986. L'artista lascia, inoltre, segni di sé e della propria arte nei centri urbani visitati.
Keith Haring consacra totalmente il suo talento nel 1986 con l’inaugurazione a Soho del Pop Shop, punto vendita in cui vengono venduti gadget con le sue opere. Nel 1989 realizza un grande graffito sulla parete del convento di Sant’Antonio a Pisa.
Le sue opere sono immediate, semplici e colorate. Rappresenta personaggi stilizzati come bambini, cani, angeli, televisori, cartoon. La sua cifra veicola messaggi semplici chiari ed immediatamente comprensibili. I temi trattati dall’autore sono il capitalismo, l’ingiustizia sociale, il razzismo e l’amore.

293
Totali aggiudicazioni

Keith Haring prezzi aggiornati

Andamento del Prezzo Medio negli ultimi 5 anni

Andamento del Prezzo Medio negli ultimi 3 anni

2022
2023
2024

Andamento del Prezzo Medio negli ultimi 3 anni per Litografia / Serigrafia

Formato 2022 2023 2024
Piccolo formato
Medio formato
Grande formato

Andamento del Prezzo Medio negli ultimi 3 anni per Disegno

Formato 2022 2023 2024
Piccolo formato
Medio formato
Grande formato

Andamento del Prezzo Medio negli ultimi 3 anni per Tecnica mista

Formato 2022 2023 2024
Piccolo formato
Medio formato
Grande formato

Keith Haring aggiudicazioni

Keith Haring Vendite in Asta: ultime aggiudicazioni

Img Opera Categoria Data Ultima offerta
Senza titolo
15 x 7,
Litografia / Serigrafia 20/01/2024 €5.400
Lucky Strike it's toasted
100 x 70, 1987
Litografia / Serigrafia 17/01/2024 €200
Senza titolo
50 x 70,
Litografia / Serigrafia 17/01/2024 €140
Senza titolo
50 x 70,
Litografia / Serigrafia 17/01/2024 €110
Untitled
101.5 x 68.5, 1985
Disegno 19/12/2023 €26.000

Aggiudicazioni ultimi 12 mesi

Keith Haring valutazione opere

VoR
ULTIMO AGGIORNAMENTO
01 Marzo 2024
ValutaOpere Rating (VoR): un dato sintetico che indica commerciabilità, solidità e crescita del prezzo
Percentuali opere per categoria
Potresti essere interessato a