Gruppo Cobra: Artisti e Quotazioni

Il Gruppo CoBrA è un’avanguardia artistica nata a Parigi l’8 Novembre del 1948. La sigla CoBrA, con cui è stato ribattezzato questo movimento, ha avuto origine da un’idea del poeta e pittore belga Christian Dotremont che, per crearla, prese le iniziali dei nomi delle città di provenienza dei principali artisti fondatori del gruppo: Copenaghen, Bruxelles e Amsterdam.

Origini e durata del movimento

Il Gruppo CoBrA nacque dall’unione e mescolanza di artisti appartenenti a diversi gruppi sperimentali. In particolare fu Christian Dotremont, cui dobbiamo il nome del gruppo, che, ispirato dal Surréalisme Révolutionnaire, volle coniugare questa arte rivoluzionaria con l’impegno politico e sociale di impronta marxista. Un’altra importante fonte di ispirazione per la creazione dell’arte CoBrA fu l’Arte Grezza (o Art Brut) di Jean Dubuffet. Senza poi dimenticare le esperienze sperimentali di diversi gruppi olandesi e danesi e del Movimento Arte Nucleare.

I primi firmatari del Manifesto del movimento appartenevano al gruppo astratto surrealista danese Høst, al gruppo Reflex olandese-fiammingo ed al gruppo belga Revolutionary Surrealist Group. Per il gruppo belga furono Joseph Noiret e Christian Dotremont a firmare la prima bozza del Manifesto, per il gruppo olandese-fiammingo furono Anton Constant, Karel Appel e Cornelis Guillaume Beverloo (detto Corneille) e, per finire, per il gruppo danese a firmare fu Asger Jorn.

Durante la sua attività il Gruppo CoBrA tenne due importanti mostre: una nel 1949 ad Amsterdam nello Stedelijk Museum e l’altra (che fu anche l’ultima) nel 1951 al Palais des Beaux-Arts di Liegi. Nonostante la sua breve durata, il Gruppo CoBrA ha rappresentato una parte importantissima dell’Espressionismo astratto a livello europeo, avendo avuto un ruolo di grande rilevanza per il superamento del contrasto figurazione-astrazione tipico di quegli anni ed essendo stato fonte di ispirazione per la creazione di numerose avanguardie successive, come nel caso delle neoavanguardie italiane.

Le caratteristiche dell’arte Cobra

Come ogni avanguardia che si rispetti, anche il Gruppo CoBrA tende ad eliminare gli stili del passato e rifiutare la tradizione utilizzando pesanti pennellate e colori violenti per dare maggior forza e vitalità alle proprie opere. L’arte CoBrA mira a promuovere la libera espressione dell'inconscio, i soggetti più rappresentati erano infatti immagini di fantasia, che derivavano spesso dalla tradizione folkloristica dei paesi nordici, o anche simboli mistici e primitivi, a volte con un tocco infantile, tutti carichi però di passionalità e spontaneità. Da sottolineare che i disegni nelle opere CoBrA non furono mai forme totalmente astratte.

Erano spinti dalla necessità, voglia e desiderio di realizzare una nuova arte, che fosse spontanea e contro ogni tipo di artificialità e dogmatismo che, a loro parere, denaturalizzava l’operato, per renderla invece una pura idealizzazione del reale. La loro fu un'arte totalmente provocatoria che rivendicava il diritto al piacere edonistico del gesto creativo attraverso un modo di fare e dipingere esasperato.

Gli artisti appartenenti al movimento CoBrA non si limitarono alla pittura ma, ispirati dalle sculture di artisti come Brancusi, Giacometti, Jean Arp e Picasso e dall’arte preistorica e popolare, decisero anche loro di realizzare alcune sculture e ceramiche. Questa tipologia di opere venivano realizzate con il bronzo, l'argilla e il legno, ma anche con i materiali di scarto o trovati nella spazzatura.

I maggiori esponenti del Gruppo CoBrA

Nei tre anni di attività il Gruppo CoBrA raggiunse un totale di circa 50 membri. Tra loro, oltre ai primi firmatari Joseph Noiret, Christian Dotremont, Anton Constant, Karel Appel, Guillaume Corneille e Asger Jorn, alcuni membri più importanti del movimento furono: gli artisti Pierre Alechinsky, Pol Bury, Ejler Bille, Jean Michel Atlan, Robert Jacobsen, Karl Otto Götz, Mortensen e Carl Henning Pedersen e gli scrittori Hugo Claus, Stephen Gilbert e Édouard Jaguer.

Ad Amstelveen, cittadina non troppo distante da Amsterdam, esiste il CoBrA Museum in cui sono esposte molte opere dei protagonisti del movimento ma anche di diversi artisti contemporanei che si sono ispirati all’arte del Gruppo CoBrA.

Pierre Alechinsky

80 Prezzo medio: €13.479
Scheda

Karel Appel

80 Prezzo medio: €23.543
Scheda

Asger Jorn

87 Prezzo medio: €36.040
Scheda

Pol Bury

78 Prezzo medio: €534
Scheda

Guillaume Corneille

65 Prezzo medio: €7.048
Scheda