Espressionismo Astratto: Artisti e Quotazioni

L'Espressionismo astratto è un movimento artistico nato negli Stati Uniti d’America in seguito alla Seconda Guerra Mondiale. La prima volta che si sentì parlare di "Espressionismo astratto" fu nel 1929, quando Alfred H. Barr Jr. usò queste parole per commentare un dipinto di Vasily Kandinsky. Successivamente, precisamente nel 1946, fu il critico Robert Coates che, per primo, riprese questa espressione per descrivere l’arte americana tipica degli anni ‘40.

Le origini

Gli artisti espressionisti astratti raffiguravano le proprie emozioni utilizzando l’azione pittorica e la rappresentazione non figurativa. Questo si deve, in parte, anche all’influenza europea che gli americani ricevettero delle correnti del Surrealismo e dell’Espressionismo.

Nel Dopoguerra molti artisti europei emigrarono negli Stati Uniti e fu in questa occasione che le diverse tendenze artistiche che si erano sviluppate in Europa fino a quel momento iniziarono a contaminare l’arte americana. Tra queste ricordiamo: Cubismo muralista, Razionalismo architettonico, Astrattismo, Dadaismo e Realismo.

Corrente artistica particolarmente importante per lo sviluppo dell’Espressionismo astratto americano è il Surrealismo, poiché viene da molti considerato come il più rilevante predecessore di questo nuovo movimento. Ad esempio, la tecnica pittorica di Jackson Pollock, uno dei maggiori epressionisti astratti, ha le sue radici proprio nel lavoro del surrealista Max Ernst.

Le caratteristiche dell’Espressionismo astratto

Per gli espressionisti astratti la vera forma d’arte consisteva nell'atto stesso di pitturare. É stato un modo del tutto nuovo e rivoluzionario di esprimersi, che non si proponeva nè di riprodurre i sogni e l’inconscio dell’autore (come nel caso del Surrealismo) né mirava alla rappresentazione intellettuale della realtà esteriore (come accadeva per il Cubismo).

L'espressionismo astratto americano si divise in due maggiori sotto correnti: l’Action Painting e il Color Field Painting. Entrambi ebbero alcune caratteristiche comuni, come, ad esempio, l'enfasi per superfici particolarmente piatte, l’utilizzo di grandi tele in canapa ed una concezione della tela che era “a tutto campo”, cioè in cui ogni sua area veniva tenuta nella stessa considerazione (ciò li differenziava da quegli stili artistici che concentravano la raffigurazione nell'area centrale della tela).

La corrente dell’Action Painting

Action Painting (pittura d’azione) vuol dire che l'artista si realizza sotto l'impulso dell'urgenza di agire. Una azione che non consiste nel puro senso motorio o gestuale, ma in senso psicologico ed esistenziale. É un modo di dipingere in cui a dominare è il colore, che non viene però applicato sulla tela con attenzione ma, al contrario, viene liberamente spruzzato, lanciato o spalmato su di essa, a rappresentare l’essenza dell’artista e non un progetto pre ideato.

La corrente del Color Field Painting

Per Color Field Painting (pittura a campi di colore) si intende il movimento pittorico in cui gli artisti utilizzavano grandi tele di canapa coperte interamente da estensioni invariate di colore (più o meno regolari), rifiutando qualsiasi fattore relativo a forma, segno e materia ed orientandosi solamente sugli effetti che sarebbero derivati dall’accostamento delle varie campiture di colore. Alle volte, nel realizzare le proprie opere, si limitavano ad utilizzare semplicemente diverse sfumature dello stesso colore.

I maggiori esponenti dell’Espressionismo astratto

L'Espressionismo Astratto raggiunse il suo apice tra il 1947 e il 1956 e a dominare la scena in quegli anni furono soprattutto Jackson Pollock, che fu maggiormente tenuto in considerazione sia dalla critica che dai media, e Willem de Kooning, che fu invece un punto di riferimento per gli altri artisti, tanto da esser da loro considerato quasi un mito. Altri espressionisti astratti di spicco furono Franz Kline, William Congdon e Robert Motherwell. Tutti gli artisti sopracitati appartenevano in particolare alla corrente dell’Action Painting (detta anche corrente gestuale).

Per quanto riguarda il Color Field Painting (o corrente contemplativa) in un primo momento i maggiori esponenti furono Mark Rothko, Adolph Gottlieb, Clyfford Still, Barnett Newman e Ad Reinhardt, cui si aggiunsero successivamente William Baziotes, Bradley Walker Tomlin e Philip Guston.

Come la corrente americana cambiò la pittura nel mondo

Nella storia dell’arte l’espressionismo astratto, oltre che per le opere e i pittori, viene ricordato anche per essere stato il primo caso di corrente artistica tipicamente americana che influenzò il resto dell’arte mondiale (non viceversa come succedeva solitamente fino a quel momento) contribuendo peraltro a far sì che la nuova capitale dell’arte mondiale fosse, idealmente, spostata da Parigi a New York o, più genericamente dall’Europa agli USA.

Cy Twombly

85 Prezzo medio: €112.685
Scheda

Jackson Pollock

ND Prezzo medio: €59.116
Scheda

Sam Francis

82 Prezzo medio: €24.315
Scheda

Robert Motherwell

ND Prezzo medio: ND
Scheda

Mark Rothko

83 Prezzo medio: €11.000
Scheda

Willem De Kooning

83 Prezzo medio: €41.287
Scheda

Franz Kline

78 Prezzo medio: €42.068
Scheda

William Congdon

50 Prezzo medio: €6.834
Scheda

Ad Reinhardt

73 Prezzo medio: €37.338
Scheda

Philip Guston

ND Prezzo medio: ND
Scheda

Adolph Gottlieb

ND Prezzo medio: ND
Scheda